lunedì 14 ottobre 2019

A Pierdavide Carone il "Premio Penisola Sorrentina Giovani"

Lucio Dalla disse della sua canzone, 'Nanì': "Mi ricorda 4 marzo". Carone vince la sezione giovani del Premio "Penisola Sorrentina" dedicata a Lino Trezza.
Pierdavide Carone, il frontman dei Dear Jack ed autore di bellissimi testi, è il vincitore della categoria giovani (dedicata a Lino Trezza) del Premio internazionale "Penisola Sorrentina Arturo Esposito".
Dopo il premio della critica al talent "Amici" di Maria De Filippi e il Wind Award, arriva ora questo prestigioso riconoscimento, promosso con l’Alto patrocinio del Parlamento Europeo per il rilievo internazionale, al giovane cantautore che si esibì al Festival di Sanremo del 2012 con Lucio Dalla, scrivendo ed interpretando insieme con Lucio la canzone "Nanì". Fu quella l’ultima esibizione sanremese del cantautore bolognese, stroncato da un infarto poco tempo dopo.
Riguardo a quella canzone scritta insieme con Dalla, Pierdavide Carone dichiarò: "Parlo di una donna che fa l’amore di mestiere e che ha davanti un adolescente che l’amore lo deve ancora scoprire. È vera psicologia all’interno di un testo che, se vogliamo, è molto pesante; spesso la gente ignora questa esperienza, per il perbenismo imperante, e non può capire un ragazzo che scopre l’amore in questo modo: lui si innamora e cade nella storia, ma lei non lo vuole".
"Carone ci ha abituato ad una grande profondità dei testi e non a caso al Teatro delle Rose di Piano di Sorrento il prossimo 26 ottobre riceverà un riconoscimento come migliore autore giovanile" dichiarano il patron del Premio Mario Esposito e il produttore esecutivo Massimo Marramao.
Vale la pena ricordare il dibattito che sollevò, due anni fa, la sua esclusione dal Festival di Sanremo con il testo "Caramelle", composto insieme con i Dear Jack, e dedicato ad un tema di scottante attualità come la pedofilia.

0 commenti:

Posta un commento

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Preferiti Altri

 
Design by Gdp | Auto Notizie è un supplemento editoriale del Giornale di Puglia. Tutti i diritti sono riservati. BARI 2016 |