martedì 26 marzo 2019

NOT: online il videoclip dal titolo "Ma che ti penso a fare"

Novità nel panorama musicale nazionale: si intitola "Ma che ti penso a fare" il nuovo singolo dei NOT ed è uscito, in questi giorni, il videoclip.
La canzone parla di una relazione ormai conclusa in cui, in maniera cinica e disillusa, il protagonista cerca di autoconvincersi che la storia non era poi così importante.
Nel videoclip la band vuole sottolineare il valore dell’amicizia e dello stare insieme, soprattutto nei momenti più difficili per darsi forza a vicenda. Infatti, tutti i componenti del gruppo appaiono nel video, girato all’interno di una stanza, con la partecipazione speciale di due amici a quattro zampe, Milla e Spillo.
"Ma che ti penso a fare" è estratto dell’ultimo EP della band, intitolato "Sogni e Bisogni", già disponibile in tutti i webstore e negozi di dischi.
Per quel che riguarda i NOT, acronimo di Note Oltre Tempo, sono una band di Torino composta da Fabrizio Arini (voce e chitarra), Davide Berneccoli (batteria), Giorgio Ruggirello (basso) e Dario Marengo (chitarra) a cui, a Gennaio 2019, si è aggiunto Simone Zuccarello, in arte Nuky, (synth, percussioni e cori). Il gruppo debutta nel 2014 con i brani "I Miei Guai" e "Mi Giri Intorno", realizzati in collaborazione con il produttore Luca Vicio Vicini, bassista dei Subsonica. Dopo l’EP d’esordio "Il Primo Passo" registrato presso il CSP Studio di Rivoli (TO), a maggio 2018 è uscito l’album "Sogni e Bisogni", ma le porte dello studio di registrazione si sono nuovamente aperte ed un terzo album sta già prendendo forma. Il nome NOT è un contenitore, all'interno del quale risiedono le idee che danno vita a questo progetto dal colore indefinito, cangiante. Così, note e parole vengono trasportate in suoni ed ambientazioni sempre diverse, Oltre Tempo, senza convenzioni e senza bisogno di classificare un genere ed uno stile definito.

0 commenti:

Posta un commento

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Preferiti Altri

 
Design by Gdp | Auto Notizie è un supplemento editoriale del Giornale di Puglia. Tutti i diritti sono riservati. BARI 2016 |