martedì 11 luglio 2017

Il Canzoniere: "Io vagabondo" dei Nomadi

Parliamo oggi del brano dal titolo "Io vagabondo" e cantato dai Nomadi. Si tratta di una canzone scritta da Alberto Salerno per il testo e dal bassista Damiano Dattoli per la musica, portata al successo dal gruppo musicale italiano dei Nomadi, che la presentarono a Un disco per l'estate del 1972, classificandosi al tredicesimo posto.
Il brano racconta la voglia di andare, di rendersi liberi ed indipendenti. E' un inno alla speranza di un nuovo mondo, dove è possibile ancora sentire il vento sulla pelle.

IO VAGABONDO (Nomadi)

Io un giorno crescerò 
e nel cielo della vita volerò. 
Ma un bimbo che ne sa 
sempre azzurra non 
può essere l'età. 
Poi, una notte di settembre 
mi svegliai, il vento sulla 
pelle, sul mio corpo il 
chiarore delle stelle; 
chissà dov'era casa mia 
e quel bambino che 
giocava in un cortile. 

Io, vagabondo che son io, 
vagabondo che non sono altro 
soldi in tasca non ne ho, 
ma lassù mi è rimasto Dio. 

Sì, la strada è ancora là 
un deserto mi sembrava la città. 
Ma un bimbo che ne sa  
sempre azzurra non può essere l'età. 
Poi, una notte di settembre 
me ne andai, il fuoco 
di un camino, non è caldo 
come il sole del mattino, 
chissà dov'era casa mia 
e quel bambino che 
giocava in un cortile. 

Io, vagabondo che son io, 
vagabondo che non sono altro 
soldi in tasca non ne ho, 
ma lassù mi è rimasto Dio. 
Vagabondo che son io, 
vagabondo che non sono altro 
soldi in tasca non ne ho, 
ma lassù mi è rimasto Dio.
Vagabondo che son io, 
vagabondo che non sono altro 
soldi in tasca non ne ho, 
ma lassù mi è rimasto Dio.

0 commenti:

Posta un commento

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Preferiti Altri

 
Design by Gdp | Auto Notizie è un supplemento editoriale del Giornale di Puglia. Tutti i diritti sono riservati. BARI 2016 |