venerdì 19 luglio 2013

Lea Michele e quella terribile telefonata

di Redazione - Alle 22 di sabato 13 luglio, Lea Michele era nella sua casa di Los Angeles quando le hanno detto che il fidanzato Cory Monteith è stato ritrovato morto nella sua stanza d'albergo, a Vancouver. Dopo il ritrovamento del corpo dell'attore, avevano provato subito a contattarla, prima che la notizia diventasse di dominio pubblico, ma non erano riusciti a rintracciarla. «Quando l'ha saputo è andata fuori di testa, ha iniziato a piangere e urlare, è andata avanti fino alle 3 del mattino», racconta una fonte a Us Weekly. «Lea è inconsolabile, si è chiusa nella sua casa, e fa di tutto per tenersi occupata, ha voluto aiutare la famiglia di Cory con il funerale». Una Lea distrutta e sofferente. I fans di Glee sono preoccupati per il futuro della serie televisiva, che senza di Cory non sarà più la stessa. - See more at: http://www.giornaledipuglia.com/2013/07/lea-michele-e-quella-terribile.html#sthash.cdExHf1b.dpuf

0 commenti:

Posta un commento

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Preferiti Altri

 
Design by Gdp | Auto Notizie è un supplemento editoriale del Giornale di Puglia. Tutti i diritti sono riservati. BARI 2016 |