lunedì 28 gennaio 2013

Sanremo 2013, tra gli ospiti internazionali spunta Asaf Avidan

di Marco Masciopinto. Con la bellissima e coinvolgente ballata ''One day - Reckoning Song'', si è confermato l'artista del momento ed ha confermato anche la sua presenza tra gli ospiti internazionali al prossimo Festival di Sanremo. Asaf Adivan, giovanissimo artista israeliano, classe 1980, in un'intervista alla Repubblica, ha raccontato la sua vita e la presenza sul palco dell'Ariston: ''Il mio manager mi ha appena comunicato che sarò al Festival di Sanremo il 13 febbraio''. Il giovane artista israeliano, nato da genitori islamici, ha vissuto la sua adolescenza in Jamaica per poi trasferirsi a Gerusalemme. Giovane, dal carattere libero e dinamico, è la nuova scoperta della scena musicale internazionale, originale e creativo, con la musica che scorre da sempre nelle sue vene. A proposito del suo singolo d'esordio (One Day) ha dichiarato: ''È una ballata personale, delicata, disperata, uno di quei brani di cui un autore è geloso come di un figlio o di una fidanzata - racconta l'artista. A dir la verità il remix non mi è piaciuto per niente. Avevo dato l’ok quando mi avevano mandato il link da Berlino, non pensavo che avrebbe avuto questa risonanza. Ho detto di sì per evitare che pensassero: ma questo chi si crede di essere? Sei anni fa, frequentavo un corso di animazione a Gerusalemme. Poi arrivai a un punto morto nella mia vita, persi il lavoro, la casa, la ragazza mi lasciò, avevo bisogno di un mezzo immediato per esprimermi. Cominciai a scrivere e cantare canzoni introverse con la voce angosciata. Fu una terapia. Forse la musica non mi ha guarito ma mi ha purificato, soprattutto attraverso i concerti; quando sono sul palco riesco a esorcizzare ogni angoscia''. La bomba musicale arriva sul palco del Festival di Sanremo. Attendino signori, attendino!

0 commenti:

Posta un commento

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Preferiti Altri

 
Design by Gdp | Auto Notizie è un supplemento editoriale del Giornale di Puglia. Tutti i diritti sono riservati. BARI 2016 |